Home / Viaggi / 5 mete poco conosciute da visitare
kotor

5 mete poco conosciute da visitare

Grazie a collegamenti aerei sempre più efficienti, raggiungere ogni angolo del pianeta è sempre più facile; se da una parte è un fatto positivo, però, dall’altra può rivelarsi un inconveniente per chi è alla ricerca di una meta ancora poco conosciuta dai grandi flussi turistici. Tuttavia, sparsi per il mondo e a volte anche più vicino di quanto si possa pensare, esistono angoli dove si assapora ancora l’autenticità del luogo.

Kotor e il Montenegro

La piccola nazione balcanica ha davvero molto da offrire in termini di paesaggio e cultura; anche se il paese ha iniziato a farsi scoprire da poco, conserva ancora il carattere autentico, fiero e indipendente, che lo contraddistingue. In particolare Kotor, o Cattaro, è una perla incastonata in uno stretto fiordo dell’Adriatico; con le sue case in pietra dai tetti arancione vivido, Kotor è un curioso mix tra il nord Europa e il sud del Mediterraneo.

Riga

I paesi baltici sono dei piccoli gioielli ancora poco visitati e Riga, con l’intera Lettonia, valgono un viaggio. La città è un polo culturale giovane e frizzante, con uno splendido duomo, la piazza del municipio dal tipico carattere nordeuropeo e gli eleganti palazzi delle vie del centro. Tutta Riga si affaccia sul mar Baltico e, grazie alla sua posizione, è anche un porto importante e ben collegato alle altre città del nord.

Le isole Fær Øer

Queste isole al largo della Danimarca sono l’ideale per chi è alla ricerca di tranquillità e paesaggi incontaminati. La nazione, che è ancora poco conosciuta, conserva un carattere austero e indipendente tipico dei suoi abitanti, unito a degli scorci davvero suggestivi composti da ampie vallate, gole rocciose e piccoli fiordi. Tórshavn, immersa nel verde, è la piccola capitale, dotata di un laborioso e pittoresco porto che, grazie alla pesca, dà lavoro alla quasi totalità degli abitanti.

Tbilisi e la Georgia

Il Caucaso, regione che in passato è stata problematica, è oggi un luogo da non perdere e che, grazie al suo isolamento, non ha subito grosse influenze, se non quella sovietica.
Tbilisi, la capitale arroccata su un promontorio, ha un’architettura inconfondibile, fatta di edifici coloratissimi e dai tetti aguzzi; il territorio circostante, verdissimo e selvaggio, custodisce una cultura antichissima che trova rifugio nelle stupende, solitarie chiese rurali in pietra.

Quito e l’Ecuador

Spostandosi più lontano, la nazione sudamericana che vede Quito la capitale più alta del mondo sembra conservare meglio che i paesi vicini la sua autenticità. Un mix di architettura spagnola e indigena, unita al centro storico ben conservato, rendono Quito la perla di un paese ricchissimo di piccole città in stile coloniale, spiagge selvagge, giungle rigogliose e perle naturalistiche uniche, tra cui le paradisiache isole Galapagos, unica vera attrazione turistica di un paese che ha molto altro da offrire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *